Arie
Duetti...
Opere
Cantate
Compositori
Switch to English

Aria: Come with the Gipsy bride

Compositore: Balfe Michael William

Opera: The Bohemian Girl

Ruolo: Arline (Soprano)

Scarica spartiti gratis: "Come with the Gipsy bride" PDF
I dreamt that I dwelt in marble halls. Arline. The Bohemian Girl. BalfeOh, what full delight. Arline. The Bohemian Girl. BalfeNo, che il morir non é. Amenaide. Tancredi. RossiniNò, che servire altrui, nò, quest'anima non sà. Berenice. Berenice. HändelSì, m'appaga, sì, m'alletta quella vaga collinetta. Achille. Deidamia. HändelCon saggio tuo consiglio. Nerone. Agrippina. HändelDesterò dall' empia Dite ogni furia a farvi guerra. Melissa. Amadigi di Gaula. HändelSon pochi fiori. Susel. L'amico Fritz. MascagniMi restanò le lagrime. Alcina. Alcina. HändelAh conforto è sol la speme. Gulnara. Il corsaro. Verdi
Wikipedia
The Bohemian Girl ("La zingara") è un'opera in tre atti composta da Michael William Balfe con libretto di Alfred Bunn, vagamente ispirata al racconto di Cervantes La Gitanilla.
L'opera fu data la prima volta a Londra, al Drury Lane Theatre, il 27 novembre 1843, e rimase in cartellone per oltre cento serate. Ebbe immediatamente numerose riprese sulle piazze teatrali di tutto il mondo, tra cui: New York (25 novembre 1844), Dublino (1844), Filadelfia (1844) e Madrid (1845).
Ne esistono anche una versione in tedesco (Die Zigeunerin), rappresentata per la prima volta a Vienna nel 1846, una italiana (La zingara), che fu data in prima a Trieste nel febbraio 1854, ed una francese in quattro atti (La Bohémienne), che vide la luce a Rouen nel 1862, sotto la bacchetta di un giovanissimo Jules Massenet e con Célestine Galli-Marié (futura protagonista della Carmen) nei panni della Regina degli zingari. Se Die Zigeunerin ebbe largo seguito nei paesi di lingua o cultura tedesca, La zingara fu addirittura rappresentata anche a Londra, Dublino, New York, Boston e San Francisco. La fortunata edizione londinese del 1858 all'Her Majesty's Theatre, per la quale Balfe ricevette in dono un assegno extra di cinquanta sterline, vide la partecipazione, nei ruoli principali, di Marietta Piccolomini, Marietta Alboni e Antonio Giuglini.
Nel 1600 in Boemia durante una cena il principe Taddeo ha un'accesa disputa con il Conte Arnheim, padrone della contea. L'uomo dopo aver insultato il conte se ne va per sempre, lasciando l'uomo solo assieme alla piccola figlia Arline. Nei pressi del castello intanto una carovana di zingari, comandati da una regina, si sta accampando per mendicare in giro. Per vendicarsi Taddeo rapisce un giorno la bambina e la tiene nascosta tra gli zingari polacchi che presto ripartono dalla contea. Passati dodici anni esatti, Arline, abituata a vivere di poco, ma conservante ancora dei tratti nobili e aggraziati, viene sorpresa a mendicare proprio nei pressi del borgo del Conte Arnheim. Solo Taddeo può salvarla appellandosi alla clemenza del nobile e chiedendogli scusa per il maltorto fattogli anni prima.